Abruzzo DESTINAZIONI

Rocca di Botte – Abruzzo – L’Aquila

Perché andar per Borghi?… perché >>> Rocca di Botte

Nazione: Italia. Regione: Abruzzo, Provincia di: L’Aquila

Abitanti: 840, Altitudine 750 m.s.l.m.

Il borgo di Rocca di Botte si trova nella bellissima Valle del Cavaliere al confine con il Lazio. Tra i monti carsolani e il Parco dei Monti Simbruini.

Ha una storia antichissima risalente al X secolo.

Nell’XI secolo il paese diede i natali a San Pietro Eremita “Il Cavaliere itinerante”. Da Rocca di Botte infatti parte il Cammino di San Pietro Eremita, un cammino che percorre due Regioni (Lazio e Abruzzo), quattro province (L’Aquila, Roma, Rieti, Frosinone) e una ventina di bo

rghi affascinanti e dopo poco più di 200 km arriva a Trevi nel Lazio dove San Pietro Eremita morì.

Cosa vedere a Rocca di Botte?

Sicuramente il suo borgo antico. Il borgo è un po’ malandato per essere stato per troppi anni marginalizzato, ma da alcuni anni si sta ripopolando e le antiche case ritornano alla loro utilità abitativa. Il centro storico è un luogo affascinante dove si respira storia, ma anche serenità profonda e tanta spiritualità. Nella parte più antica del borgo si può visitare la casa natale di San Pietro E. Da non perdere Piazza Sciarra, nella parte opposta al borgo. Un luogo di grande bellezza con il suo portale di ingresso, le mura sulla destra e alcuni edifici antichi molto interessanti. Consigliamo di entrare nella Piazza dal borgo antico entrando in un portone e salendo la scala di una casa privata ma aperta al pubblico. La piazza è un luogo per la riflessione, la pittura, la scrittura, la fotografia.  Un luogo di meditazione attiva e culturale.

Le cose da visitare a Rocca di Botte sono diverse e tutte di pregio.

1) La Chiesa di San Pietro Eremita che si trova vicino alla casa natale del Santo ed è uno scrigno spirituale profondo.

2) La Chiesa di San Pietro Apostolo, la chiesa madre del paese, che conserva due opere in marmo del XII secolo, il pulpito ed il tabernacolo e un organo attribuito all’artista di Affile Cesare Catarinozzi.

3)La Chiesa di Santa Maria della Febbre risalente al XII-XIII secolo. Il nome è legato alle epidemie di peste dell’epoca. Conserva affreschi del tardo 400.

4) Santuario della Madonna dei Bisognosi al confine con il comune di Pereto. Il santuario è decorato con affreschi del tardo 400 e nel 1902 è stato dichiarato monumento nazionale.

5) la torre dell’orologio situato all’ingresso del borgo antico sulla

bellissima piazza Umberto I.

6) Casa natale di San Pietro Eremita. Dalla casa natale del Santo parte il Cammino di San Pietro Eremita

Dove mangiare:

Rocca di Botte offre poco per la ristorazione ma nei dintorni e sopratutto a Carsoli la scelta è ampia ed anche di qualità. A Carsoli si consiglia il Ristorante Pizzeria “Angeletta”, un locale semplice ma dalla proposta ampia, sia nel ristorante che nella pizzeria, con un rapporto qualità/prezzo molto buono.

Dove dormire:

Si consiglia senza ombra di dubbio il B&B Le Canapine all’ingresso del paese all’interno di un casale patronale semplice ma suggestivo, immerso nel verde. Qualità e cortesia sono gli ingredienti principali del locale.

Dritte per il soggiorno:

Una volta a Rocca di Botte si possono fare tante cose interessanti. Tratti del Cammino di San Pietro Eremita fino alla Madonna dei Bisognosi. Esperienze enogastronomiche nelle varie proposte della Piana del Cavaliere. Visite al lago del Turano o ai monasteri benedettini di Subiaco.

Come si arriva a Rocca di Botte:

Con l’auto privata dall’autostrada A24 da Roma o da Pescara. Con i pulman Tua (controllare gli orari perchè non ci sono molte corse.)

You may also like

Leggi di più